30 Novembre 2022

www.missino.it

Blog di informazione del MSFT

Due pesi e due misure

10 0
Read Time:1 Minute, 19 Second

di G. Manoli

Apprendiamo con soddisfazione che Giuseppe Castaldo, l’ennesimo italiano costretto a difendere la propria vita e la propria attività e che sparò ed uccise due rapinatori, è stato  assolto perché “il fatto non costituisce reato”.

Dopo la giusta felicitazione, non possiamo non rilevare, che i condannati per legittima difesa a seguito di rapina, sono ancora troppi per uno Stato cosiddetto di “Diritto”.

Tra questi il dramma umano di Guido Gianni, condannato a 12 anni a seguito di rapina armata unita a percosse e minacce, in conseguenza della quale fu costretto a reagire attingendo due rapinatori e ferendone un terzo. Il tragico fatto accadde il 18 febbraio 2008 e dopo ben 14 anni di procedimenti, conditi da lacunose e superficiali indagini, ora Guido Gianni langue in un carcere di massima sicurezza.

A nulla ad oggi sono valse oltre 80.000 firme di Petizione rivolta all’ottenimento della Grazia; oltre alle numerose manifestazioni ed attestazioni di sostegno, che hanno visto in campo fin dalla prima ora il Movimento Sociale Fiamma Tricolore con i suoi dirigenti.

Disgraziatamente, le storture le incongruenze e le rigidità di una Legge sulla Legittima Difesa, continuano a fare danni sulla pelle degli italiani onesti.

Attendiamo, con la fiducia ridotta ai minimi termini, che sia finalmente modificata in modo sostanziale, in cui venga finalmente difesa la vittima e non il carnefice.

E’ ora di dire basta, il nuovo esecutivo ha tutti i poteri per farlo, provveda subito al varo di una nuova Legge.

Ribadiamo forte il nostro grido: Guido Gianni libero!

https://www.change.org/p/giustizia-per-guido-gianni

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
33 %
Excited
Excited
8 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
50 %
Surprise
Surprise
8 %

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi