30 Novembre 2022

www.missino.it

Blog di informazione del MSFT

REDDITO DI CITTADINANZA? UNO SCANDALO!

0 0
Read Time:1 Minute, 15 Second

di Giovanni Demarco

Si rimane esterrefatti, ma ormai ne siamo abituati, di fronte al nuovo scandalo che riguarda le assegnazioni del reddito di cittadinanza.
I numeri in questo caso rasentano lo scandalo.
Novemila romeni, che non hanno mai messo piede in Italia, hanno presentato Autocertificazione con la quale dichiarano di essere residente in Italia da oltre 10 anni per tramite di Caf dalla Lombardia alla puglia, passando per l’Emilia Romagna, nella maggior parte dei casi compiacenti.
Ne e’ venuta fuori una maxi truffa da 60 milioni di euro che ha portato alla esecuzione di 16 ordinanze in carcere. Una vera associazione a delinquere che ha portato a superare la quota di 220 milioni di euro truffati nel solo 2021 sul reddito di cittadinanza.
Il reddito di cittadinanza una inutile falla del piano di welfare di questo Paese. L’ennesima sconfitta del movimento 5 stelle e del Partito Democratico che sostengono a gran voce questa formula di ammortizzatore sociale. Statistiche indicano che circa il 40 per cento di coloro che usufruiscono di questa formula di sussidio non ne ha titolo.
Tutto ciò e’ Vergognoso. In considerazione del fatto che altre forme di ammortizzatore sociale potrebbero essere somministrate a chi ne ha effettivamente bisogno in quanto in condizioni di indigenza o per lavori socialmente utili ed effettivamente svolti. Il movimento sociale fiamma tricolore ancora una volta chiede la sospensione di questa formula di sussidio. Una formula clientelare, dispendiosa e che decisamente non ha lo scopo di creare altre opportunità di lavoro.

Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi