La generazione che non si arrende.

di Mario Lupi

Una cinquantina di anni fa, nel pieno della stagione della contestazione, centinaia di ragazzi giovani, giovanissimi ed anche adolescenti ( anche il sottoscritto ne faceva parte ) si avvicinarono al MSI dove, nel frattempo, era iniziata la segreteria di Giorgio Almirante subentrato ad Arturo Michelini. Una generazione un po’ “anarcoide” che si proponeva di cambiare una società conservatrice e bigotta ed un sistema di potere che era passato al centrosinistra. Si proponeva di combatterlo da posizioni nazionali, sociali e popolari proponendo una “terza via” che andasse al di là del capitalismo e del marxismo che, allora, sembrava invincibile. Una scelta pagata a caro prezzo. Molti ne subirono le conseguenze. Anni di soprusi, ghettizzazione, vessazioni e violenze di ogni tipo. Alcune decine pagarono con la vita quella scelta…i famosi anni di piombo…Ora molti di quelli di quella generazione fanno parte di un partito ( e sono lì grazie anche ai sacrifici di quella generazione che non si è arresa ) che si definisce conservatore, liberale ed aperto al mondo cattolico ( chi non lo è? ) e che spudoratamente continua ad avere una Fiamma nel proprio simbolo. Insomma se avessimo voluto quello ci saremmo iscritti alla Democrazia Cristiana…avremmo evitato di vivere pericolosamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi